The Dark Machine nascono a Bologna uniti dalla grandissima passione per la musica dei Pink Floyd e dall’idea iniziale e centrale del suo fondatore Marcello Rossi, (chitarre e voce), di voler introdurre, nel fitto panorama delle band che a loro si ispirano, una realtà che si auto costituisca quale vero e proprio tributo allo storico gruppo londinese, non limitandosi mai ad una sterile e meccanica riproduzione pedissequa ma restituendone un’immagine che si riveli invece un’impressione sempre viva e fluida del live e dell’invenzione pinkfloydiani .

I suoi componenti, Roberto Nepoti  (chitarre e voce), Giulio Renna (batteria), Fabio Gualtieri (percussioni), Donato Veneziano (basso), Pierluigi Pinna (tastiere, synth, voce), Danny Cappai (Hammod, tastiere) Alberto Tombari (sassofono) e Federica Delle Noci,  Jessica Stinziani e Valentina Pianeta (cori), pur provenendo da storie ed esperienze diverse, contribuiscono col proprio gusto e con eccezionale intensità alla riuscita sempre efficace e sorprendente delle continue sperimentazioni targate The Dark Machine, riuscendo ad amplificare, grazie all’apporto artistico di ciascuno, potenzialità inedite e significati reconditi dei brani proposti.

Contravvenendo forse in parte all’immaginario standard di una cover band, The Dark Machine si propongono come appassionati e appassionanti latòri delle innumerevoli dimensioni sonore pinkfloydiane, potendo presentare così un repertorio che spazia con senso critico e narrativo dalle creazioni più sperimentali e corali dei primi anni, fino agli album di impianto evidentemente più gilmuriano e solistico dell’ultimo decennio. L’intento è di restituire al pubblico quelle stesse atmosfere, intrise di sperimentalismo e di gusto per la classicità, al contempo morbide e decise, sospese ma profonde tipiche dei Pink Floyd, liberi nelle interpretazioni, come sempre si son dimostrati i quattro soprattutto nei contesti live, ma fedeli nelle intenzioni creative.

The Dark Machine si evidenziano, così, per il singolare approccio allo studio e alla riproduzione dei brani, per l’indagine accurata e il rispetto del metodo compositivo che è alla base di ogni brano, per l’assidua ricerca di quelle immagini acustiche e di quei “pieni sonori”, dal sapore quasi sinfonico, che da sempre hanno contraddistinto la band britannica.